Giovedì 15, da 'ino Aperitivo con il Cuoco

Giovedì 15 novembre dalle ore 18.30-19  “APERITIVO CON IL CUOCO” Dalle 18:30 sarà possibile gustare il “panino d’autore” creato dallo chef Marco Stabile del Ristorante Ora d’Aria (via Ghibellina 3 C/R).Un modo semplice ed informale per avvicinarsi al mondo dell’alta ristorazione senza perdere il sapore della semplicità, unendo due mondi culinari apparentemente opposti: l’alta cucina e il…

Aperitivo con il cuoco

Oggi dalle 18:30 sarà possibile gustare il “panino d’autore” creato dallo chef Gilberto Rossi del prestigioso Ristorante La Collegiata di San Gimignano.

Un modo semplice ed informale per avvicinarsi al mondo dell’alta ristorazione senza perdere il sapore della semplicità.

 

Gilberto, inoltre, ci farà assaggiare alcune sue interessanti proposte: soprassata di zampa allo zafferano "bio " di San Gimignano, galantina di vitello al tartufo di san miniato, terrina di trippa alla sangimignanese, fagottini di farro e baccelli.

 

 Il tutto verrà abbinato alla Vernaccia di San Gimignano CASTELLO MONTAUTO 2006 DOCG. Questa speciale etichetta della azienda Cecchi, è una vernaccia in purezza prodotta nell’omonima tenuta della Famiglia.

Presentazione alla stampa dell'iniziativa "Centolio"

Domani alle 12,30 avremo il piacere di ospitare la presentazione alla stampa della seconda edizione dell’iniziativa "Centolio"Cento millilitri di olio DOP Chianti Classico.

Dal 1° al 15 giugno il consorzio chianti classico www.chianticlassico.com, presenta la boccettina di olio DOP Chianti Classico, da testare in alcuni locali toscani tra FIRENZE, SIENA E CHIANTI:

Firenze

OSTERIA DEL CAFFE’ ITALIANO (via della Condotta, 12)

ALLE MURATE (via del Proconsolo, 16R)
RISTORANTE OLIVIERO (via delle Terme, 51)

‘ino – bottega di alimentari e vini – via dei georgofili 3r/7r

OLIO E CONVIVIUM (via Santo Spirito, 4)
Chianti
OSTERIA DI PASSIGNANO (via Passignano, 33 loc. Badia a Passignano)

ALBERGACCIO DI CASTELLINA (via Fiorentina, 63 loc. Castellina in Chianti)

 Siena

IL CANTO (strada di Certosa 86)

Esempi di piatti proposti per la valorizzazione dell’olio DOP Chianti Classico:

ALBERGACCIO

Ravioli al fresco di basilico, su vellutata di pinoli di San Rossore, con essenza di pomodoro e l’aggiunta del Centolio

IL CANTO

Riso, Centolio, pecorino e aceto balsamico

INO – BOTTEGA ALIMENTARI E VINO

Lonzino di tonno, cipolla a fette e un filo di Centolio

OLIO E CONVIVIUM

Insalata di Siena con caprino caldo condita al Centolio

OLIVIERO

Zuppa di pomodoro fresco condita con Centolio con cialda al basilico e dadolata di mozzarella di bufala

OSTERIA CAFFE’ ITALIANO

Sformato di fagioli bianchi Sarconi con salsa Centolio

ALLE MURATE

Mousse di lime con emulsione Centolio

OSTERIA DI PASSIGNANO

Fonduta di mascarpone di capra con piccoli gnudi all’ortica rifinito al Centolio

 

 

Proseguono le Brunelliadi

Terzo turno di assaggi per i Brunelli 2001 che dimostrano, sera dopo sera, una qualità media davvero elevata. Unanime il verdetto al termine della degustazione che ha visto nel sangiovese di Poggio di Sotto il vincitore indiscusso. Vino di livello talmente straordinario da rendere la consueta carrellata di riconoscimenti organolettici un superfluo esercizio di autoerotismo enoletterario. Fateci solo dire che, come gli autentici capolavori, ha molteplici livelli di accesso che lo rendono tanto comprensibile al neofita quanto sfaccettato per il degustatore navigato. Una supremazia talmente schiacciante da far passare in secondo piano le pur pregevoli prestazioni del Brunello di Podere Salicutti (altro esempio di vino autentico nell’esprimere gli umori più reconditi del vitigno) e del Brunello del Podere La Fortuna, certamente più lineare ma non meno pulsante nella dinamica gustativa. E il post Vinitaly promette molto bene con le Riserve e le Selezioni 2001 che bussano alla porta e che troveranno spazio nelle prossime puntate.

Secondo round delle Brunelliadi

Nuova batteria di assaggi ieri sera con altri otto Brunelli di Montalcino 2001 selezionati fra le menzioni di eccellenza delle principali guide e pubblicazioni di settore. I vini, come di consueto, sono stati serviti in degustazione cieca e la commissione, stavolta composta da “semplici” appassionati, ha finito con l’emettere un verdetto in linea rispetto alle gerarchie della stampa specializzata (e questa ci pare davvero una notizia).

Terzo classificato il Brunello Solaria, che ha sfoggiato un invidiabile equilibrio fra potenza ed eleganza con un legno ormai del tutto assorbito. Al secondo posto Cupano, un Brunello di taglio certamente moderno ma sorretto da una materia di perfetta maturità ed energia.

Primo classificato il Brunello La Cerbaiona. Diego Molinari ha raccolto una messe di premi con questo vino e, possiamo dirlo anche noi, non certo a caso. Letteralmente trascinante al palato, emoziona per la profondità gustativa e per la progressione incessante da sangiovese di vera razza.

 Per la terza puntata ci aggiorniamo dopo il Vinitaly.

Concorso letterario Villa Petriolo 2007 "I paesaggi del vino"

Vi scrivo per segnalarvi una interessante iniziativa promossa dall’Azienda Agricola Villa Petriolo di Cerreto Guidi (Fi),  un concorso letterario a partecipazione libera sul tema “I Paesaggi del Vino”.

Il progetto è curato da Emanuela Ferretti e Davide Turrini, architetti e operatori culturali che da tempo lavorano in questi luoghi e su questi temi specifici. La tipologia del testo richiesta per la partecipazione al concorso sarà quella del racconto breve.  Pubblicazione del bando: 30 gennaio 2007. Scadenza della presentazione dei testi: 30 aprile 2007 .

Per maggiori informazioni andate su http://www.villapetriolo.it/premio.html

Grazie per l’attenzione e complimenti a Silvia Maestrelli per l’idea! 

Partite le Brunelliadi

Prima tornata di assaggi ieri sera con otto Brunelli di Montalcino 2001 in bilico tra tradizione e modernità, e con un ospite speciale come Daniel Thomases, co-curatore della Guida I Vini d’Italia di Veronelli Editore e firma enologica di prestigio internazionale per varie testate.

Un ringraziamento particolare agli amici Guido Ricciarelli, ideatore dell’iniziativa e conduttore della serata, e ad Aldo Fiordelli, giornalista fiorentino del settore cibo-vino.

I vini sono stati serviti in degustazione cieca ed al termine di un serrato confronto queste sono le etichette che approdano in finale:

 Terzo classificato il Brunello di Siro Pacenti, a conferma della statura raggiunta da uno dei più celebrati interpreti della nuova linea.

 Al secondo posto un outsider assoluto, il Brunello di Podere Canneta, molto piaciuto per la naturalezza di espressione da sangiovese old style.

Primo classificato il vino di Gianni Brunelli – Le Chiuse di Sotto, a detta dei partecipanti molto efficace nel coniugare la solidità dell’impianto alla finezza floreale, diffuso, continuo e superiore in lunghezza ed articolazione del finale.

La seconda batteria è in programma giovedì prossimo con un altro ospite a sorpresa.

Se vi interessa c’è ancora qualche posto libero…

Brunelliadi

In questo periodo si parla molto di Brunello di Montalcino 2001… ed ecco che allora abbiamo pensato di affrontare l’argomento in una chiave simpatica e sdrammatizzata…

"Brunelliadi 2007"

 24 Brunelli di Montalcino 2001 
 8 Brunelli per 3 serate. Finale unica con 9 Brunelli (i migliori 3 di ogni serata).
Degustazione cieca dei vini, dove ciascuno esprimerà il proprio giudizio, e a fine serata qualcosa di sfizioso da sgranocchiare…
120 euro per chi fa le 4 serate, e un prezzo di 40 euro per la serata secca (50 per la finale).
Si parte giovedì 1 marzo, per poi proseguire i giovedì successivi.
Un mese, insomma, a tutto Brunello!
Per chi fosse interessato ci chiami oppure ci scriva al nostro indirizzo…
 

Serata sulle Mozzarelle

Continuano le serate in collaborazione con la Condotta Fiorentina di Slow Food:
 
GIOVEDI  22 Febbraio ore 21.00: LA DISFIDA DELLE MOZZARELLE,
 Questa volta il laboratorio tematico ha come titolo "la disfida delle mozzarelle":
la Fattoria dell’Alento di Perito (Salerno) nostro fornitore abituale, sfida il Caseificio Leuci di Caserta.
Entrambi i produttori presenteranno il meglio della loro produzione:
bocconcini, mozzarelle, aversane…per non parlare dell’ottima ricotta di
bufala! Il tutto in abbinamento naturalmente con un Asprino d’Aversa, vino
locale per eccellenza.
Ai partecipanti l’ardua e golosa sentenza.
Prezzo 18 euro per i soci, 22 per gli aspiranti soci. Si prenota al numero della sede della condotta fiorentina di Slow Food (055 683360)